Approfondimenti Giuridici

Compenso dell'Avvocato d'ufficio: la sentenza non è vincolante

La Corte di Cassazione, con sentenza numero 42844/2008, ha chiarito un aspetto importante che concerne il compenso dell'avvocato d'ufficio. Posto che questo istituto non va confuso con il patrocinio gratuito: a quanto ammonta l'onorario del difensore d'ufficio e chi lo stabilisce?

Il riferimento legislativo delle motivazioni della sentenza è all'articolo 82 T.U. dal qaule si desume che l'avvocato d'ufficio non è vincolato dalla retibuzione riconosciuta dalla sentenza del giudice ed è libero di richiedere un onorario maggiore, sempre nel rispetto delle tariffe massime.

Il giudice penale infatti è competente per stabilire la liquidazione delle spese processuali tra imputato e parte civile in base all'art. 541 cpp, co. 1. Può accadere però che in questa valutazione egli superi i tariffari medi previsti, in contrapposizione all'art.82 TU sopra citato. E' bene quindi che la liquidazione alla base del rapporto tra legale e parte civile resti autonoma e indipendente dalla sentenza del giudice.Questo evita situazioni di empasse come quella sopra descritta.

Nella stessa linea di pensiero peraltro si era già espressa la Suprema Corte in passato, con la sentenza del 2 luglio 2008, numero 26663.

Approfondimenti Giuridici