Approfondimenti Giuridici

Tariffe forensi: sconti per arginare la crisi

Quanto costa divorziare? Troppo per alcuni italiani che, secondo recenti sondaggi, vivono da separati ufficiosi pur di non affrontare i costi di una separazione legale. E c'è anche chi rinuncia a chiedere risarcimenti dovuti perché non può anticipare le spese legali.

E così molti avvocati, per non perdere potenziali clienti, aprono negozi in strada e sportelli con tariffe scontate. Da un punto di vista questo garantisce l'accesso alla giustizia anche a chi ha minori disponibilità economiche.

A chi accusa i colleghi di sminuire l'importanza della professione forense, gli avvocati che lavorano presso gli sportelli popolari rispondono fieri di estendere concretamente a tutti il diritto alla difesa. Sebbene questo sia un principio costituzionale (ex art 24) purtroppo i recenti sondaggi dimostrano che concretamente viene spesso violato a causa dei costi eccessivi della giustizia, soprattutto per cause civili di modesta entità. Questi avvocati garantiscono peraltro che il livello della difesa e della prestazione resta immutato a fronte dell'abbassamento dell'onorario. Spendere meno non significa avere a disposizione un avvocato meno presente o poco preparato o stimolato.

Questi sportelli per l'assistenza legale stanno già prendendo piede nel nostro Paese e sembrano essere la vera tendenza del 2012. Basti pensare che alcuni studi promuovono anche tariffe scontate online e sono anche partner di alcuni noti siti web per gruppi di acquisto.

I motivi più comuni per cui ci si rivolge a questo tipo di servizio agevolato sono diritto matrimoniale e liti condominiali. Ma non mancano risarcimenti per sinistri stradali e cause contro Equitalia per multe o tasse.

 

Approfondimenti Giuridici