Approfondimenti Giuridici

Praticanti avvocato: il compenso è obbligatorio nel secondo anno

Prima di sostenere l'esame di Stato per l'abilitazione forense, i giovani laureati in giurisprudenza, devono affrontare due anni di praticantato presso uno studio legale. Sulle condizioni in cui questi giuristi vengono trattati durante il praticantato si è detto tutto e il contrario di tutto ma la nota più dolente è sicuramente il compenso.

Spesso infatti i praticantati lamentano di essere sottoposti ad un lavoro full time ma senza retribuzione. Ma cosa prevede la normativa in materia?

L'art. 38, comma 8, del Disegno di Legge recante ''Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense'' approvato dall'Assemblea del Senato il 23 novembre del 2010 stabilisce espressamente che al praticante avvocato spetta, nel secondo anno di servizio presso lo studio, un rimborso forfettario proporzionale all'apporto professionale fornito dal giovane laureato allo studio al netto però dell'utilizzo (eventuale ma probabile) da parte del praticante stesso dei servizi e delle strutture messe a disposizione dallo studio.

Fanno eccezione l'Avvocatura di Stato e gli enti pubblici.

Va detto comunque che la norma de qua non riconosce il rapporto di praticantato come lavoro subordinato, seppur occasionale, ma continua a configurarlo come tirocinio di tipo professionale. Non si parla quindi di stipendio ma sempre e solo di rimborso.

Tecnicamente questa norma dovrebbe comunque tutelare i praticanti anche se appare lapalissiano che nella pratica il giudizio sulla proporzionalità dell'apporto professionale fornito dal giovane laureato allo studio, resta rimesso alla discrezione del dominus.

E' innegabile peraltro che il praticantato rappresenta anche per i neolaureati una grande possibilità, soprattutto considerando l'approccio molto teorico allo studio che si fa durante gli anni universitari. Ma è giusto che tutto questo sia a titolo gratuito? Inevitabilmente questo finisce con il pesare sulle spalle delle famiglie. L'università e la professione legale sono privilegi per le classi più agiate?

 

Approfondimenti Giuridici