Approfondimenti Giuridici

Posta Elettronica Certificata: precisazioni per gli avvocati

Da oggi entra ufficialmente in vigore la PEC, nuovo metodo di notifica telematica dei documenti. Ci sono però dei chiarimenti da fare onde evitare fraintendimenti.

Il nuovo comma 3-bis della legge 53/1994 (sulle notifiche in proprio degli avvocati) prevede che la notifica possa essere fatta tramite PEC solo se l'indirizzo di posta elettronica del destinatario è presente nei pubblici registri.

Per quanto riguarda le modalità si richiamano, per quanto compatibili, quelle prescritte all'art. 149 bis cpc per le notifiche fatte dall’ufficiale giudiziario. Applicando l'articolo de qua risultano chiare le modalità di notifica: si parte dall’atto in formato informatico, che può essere ad es. un atto di citazione in formato pdf, si inserisce la propria firma digitale e lo si invia online all’indirizzo di posta elettronica certificata del destinatario.

Molti più dubbi sorgono invece in relazione alla stesura della relata di notifica e alla necessità di allegare le ricevute di spedizione e consegna. Il primo punto da chiarire, anche se non comporta grosse difficoltà dal punto di vista pratico, è che la relata è intesa come un documento informatico separato, sempre correlato dalla firma digitale del  mittente. La legge però poi prescrive la “congiunta” della relata all’atto cui essa si riferisce senza però specificare quali sono gli strumenti informatici per la congiunta, la cui previsione viene rimandata ad apposito decreto. Ovviamente trattandosi di documenti informatici non si può pensare di "spillare" insieme i fogli. 

In maniera simile occorre poi allegare congiuntamente le ricevute di spedizione e consegna.

Resta infine da valutare come effettuare la produzione in giudizio.

Non c'è dubbio che la notifica via PEC sia una soluzione potenzialmente in grado di far risparmiare tempo ma a fronte della sua praticità dobbiamo constatare che, almeno in questa prima fase di applicazione, ci sono alcuni punti da chiarire.

 

Approfondimenti Giuridici